Rapporto Marduk – L’Attacco dell’Angelo

Introduzione

Oggi, 4 ottobre 2016, in occasione del 21° anniversario della messa in onda televisiva de “L’Attacco dell’Angelo”, il primo episodio di Neon Genesis Evangelion, Distopia vara il Progetto Marduk, che si prefigge come scopo la realizzazione di schede quanto più possibile complete e dettagliate relative ai singoli episodi della serie capolavoro di Hideaki Anno, per rendere disponibili ai fan in un unico articolo tutte le informazioni altrimenti disperse e di difficile reperibilità.
Oltre agli immancabili riassunti abbiamo inserito i momenti migliori dell’#EVA20th #Rewatch organizzato per il ventennale di Evangelion, e abbiamo impreziosito il tutto con i crediti completi tratti dai titoli di coda dell’episodio, i dettagli relativi alla versione di “Fly Me to the Moon” utilizzata, nonché i #sapEVAtelo, ovvero curiosità e approfondimenti sull’episodio in questione.
Sperando di aver fatto cosa gradita, vi auguriamo buona lettura!

  1. Introduzione
  2. Scheda tecnica
  3. Riassunto e Best of #Rewatch
  4. Climax
  5. #sapEVAtelo
  6. Fly Me to the Moon
  7. Crediti dell’episodio
  8. Fonti e autori

L’Attacco dell’Angelo (Angel attack)

Scheda tecnica

L'Attacco dell'Angelo

Titolo originale: 使徒、襲来 (Shito, shurai)
Titolo italiano: L’Attacco dell’Angelo
Secondo titolo: Angel attack

Data di prima trasmissione televisiva in Giappone: 4 ottobre 1995
Data di prima trasmissione televisiva in Italia: 12 dicembre 2000 in occasione della Robothon; per la prima programmazione televisiva della serie completa, quest’episodio andò in onda il 2 ottobre 2001.

Angel attack

Sceneggiatura: Hideaki Anno
Storyboards: Masayuki, Hideaki Anno
Regia: Kazuya Tsurumaki
Capo Animazione: Shunji Suzuki
Assistenti Character Designers: Yoshito Asari, Seiji Kio, Yu Imakake

Riassunto e Best of #Rewatch

Sebbene ci fosse un post ufficiale per il commento, ci sono stati prodromi di un certo livello e ben tre epiloghi (uno, due e tre)…

Per l’occasione noi di Distopia abbiamo proposto, come spunti per la pubblicazione delle foto, i temi #teamEVAcosplay, #teamacenaconEVA e #teamEVAfetish. Eccoci qua in tutto il nostro splendore!

Distopia #teamEVAcosplay #teamacenaconEVA #teamEVAfetish

Abbiamo fissato l’appuntamento per il rewatch del primo episodio, L’Attacco dell’Angelo (Angel attack) (Titolo originale: 使徒、襲来 (Shito, shurai) – Data di prima trasmissione televisiva in Giappone: 4 ottobre 1995), alle ore 21.30 del 4 ottobre ma già un quarto d’ora prima della partenza gli animi si scaldano: i fieri membri del #teamEVAfetish, ansiosi di dare inizio alle danze, pubblicano le foto delle loro postazioni video…

Postazione di Georgia

Postazione di Georgia

Postazione di Victor

Postazione di Victor

Postazione di Alberto

Postazione di Alberto

Postazione di Marco

Postazione di Marco

Postazione di Laura

Postazione di Laura

Margherita nei panni di Rei, e la sua cena

… Margherita fa la combo #‎teamEVAcosplay‬ e #‎teamacenaconEVA‬, mentre Gianluca ci rinfresca la memoria pubblicando il trailer ORIGINALE che presentava appunto la prima puntata!

Poco prima dell’inizio parte la discussione: la visione sarà in lingua originale o in italiano? Decidiamo d’imperio che sarà l’italica favella ad accarezzare le nostre orecchie, anche se c’è un imprevisto…

Gianluca C.: Io la sigla la ho in giapponese…

A pochi secondi dal via scatta inevitabilemente il delirio:

Gianluca: Comincia il nostro capodanno
Kevin: 4.0…..3.33…….2.22…..1.11…….0!

VIA! Partono canti estatici e scorrono calde lacrime per Zankoku na Tenshi no These

Sergio: Già piango sulla sigla eh, vi avviso.
Babb: Il commuoversi per la sigla #teamEVAfetish #EVA20th #Rewatch

Sebastian durante la sigla

Sebastian durante la sigla

Shinji, convocato a Neo Tokyo-3 dal padre Gendo, giunge nella città ormai deserta in quanto è stato dato l’allarme e tutti i cittadini sono fuggiti nei rifugi: un gigante mostruoso è giunto a nuoto sulla costa del Giappone e l’esercito delle Nazioni Unite non sembra essere in grado di fargli un baffo.

Alberto Tenshi-ka Ruotolo:
I believe I can fly...

Ovviamente la battaglia si svolge pericolosamente a due passi da Shinji e il nostro beniamino viene salvato da Misato Katsuragi (che gli aveva inviato una foto non proprio safe for work).

Sara: Convincere un adolescente a presentarsi ad un incontro: lo stai facendo bene.

In seguito all’esplosione di una bomba N² lanciata contro l’Angelo, il veicolo di Misato viene ribaltato dall’onda d’urto. Mentre Misato è preoccupata solo per la propria automobile e il vestito…

Claudio: Misato #supportailmercatogiapponese

… Shinji ha problemi di altra natura.

Shinji: “Mi è entrato qualcosa in bocca!”
Nevicata: mmmmmh -___________-

Misato conduce Shinji al quartier generale della Nerv, un’agenzia militare alle dirette dipendenze delle Nazioni Unite.

L’avanzata dell’Angelo è stata rallentata dalla bomba, ma il mostrillo si sta rigenerando velocemente e la ripresa dell’attacco pare imminente.
Dapprima Shinji conosce la dottoressa Ritsuko Akagi…

Pippo: “E così lui sarebbe il fœrst children?”
Luigi: Cavolo che sopracciglia Ritsuko!

… e poi giunge al cospetto di suo padre Gendo, che non incontrava da tre anni. Gendo, comandante della Nerv, gli ordina di salire a bordo di un robottone, l’Evangelion-01, e andare a combattere l’Angelo.

Marina: Gendo padre dell’anno, comunque. Sempre.
Simone:
Davanti alla culla, Gendo dice al figlio neonato: Shinji, get in the robot!

Nonostante Misato tenti pateticamente di convincerlo…

Misato: “Sei un ometto, no?”
Andrea: Ti slinguazzerò tra 25 puntate e un film!

Shinji si rifiuta e Gendo convoca un altro pilota, Rei Ayanami, e le ordina di andare a combattere.

Claudio: Via con l’operazione “senso di colpa”
Vittoria: “Come sempre sono inutile” l’autocritica è sempre sintomo di maturità, Shinji.

La ragazza, sebbene sia gravemente ferita, obbedisce all’ordine, ma l’Angelo pare aver individuato il quartier generale della Nerv e l’esplosione da lui provocata fa staccare dal soffitto alcune lampade che stanno precipitando su Shinji, quand’ecco che l’Eva-01 si attiva spontaneamente e con la mano protegge il ragazzo. Shinji, ripresosi dallo shock, si avvicina a Rei: le ferite si sono riaperte e la ragazza gronda sangue come un maiale sgozzato. A questo punto Shinji, seppur a malincuore, decide di salire a bordo dell’Eva.

Hikari: Settaggio sulla lingua giapponese! Sennò nun parte!

Gendo è soddisfatto poiché “tutto procede secondo i piani”.

Fuyutsuki: “Sei davvero convinto della tua scelta?”
Gendo: *Sorriso di soddisfazione*
Andrea: road to epic fail
Luigi: Evangelion sono i dettagli velati
Claudio: Ragazzi Shinji è salito, siamo salvi. Ah no aspè

L’episodio si conclude con l’Angelo e l’Eva uno di fronte all’altro…

Misato: “Shinji, non morire”
Hikari: perchè ci sono altri 25 episodi 2 film e un rebuild!
Pippo: Questi arrivano verso la ventesima puntata e gli tagliano i fondi…già ho capito come va a finire

Sigla di coda, “Fly Me to the Moon”…

Sebastian durante la sigla di coda

Sebastian durante la sigla di coda

… e anticipazioni del prossimo episodio!

Le menzioni d’onore vanno agli eroi dell’#teamEVAlag

Luigi: Sto indietro di una 30ina di secondi ahahaha
Vittoria: io sto ancora lottando contro il pc.. fate conto che sia quella che entra in sala a film già iniziato… CI SONO!!! parto dal minuto 14!!!

… e a Gianluca G. scelto come miglior cronista della serata

Gianluca G.: Mah, secondo me questa serie non avrà futuro, tempo qualche mese e non sentiremo più parlare di questo Evangelion

(Riassunti degli episodi della serie TVResoconto originale del #Rewatch)

Climax

Climax de L'Attacco dell'Angelo

Maya: Controllo percorso, All Green!
Fuyutsuki: Ikari, sei davvero convinto della tua scelta?
Misato: Lanciare!

L’Eva-01 viene lanciato per la prima volta con Shinji a bordo. La minaccia di Sachiel incombe.

Misato: Shinji, non morire.

#sapEVAtelo

Non devo fuggire! Non devo fuggire!

Già nel primo episodio della serie fa il suo esordio la celeberrima frase “Non devo fuggire!” (逃げちゃダメだ / 逃げちゃ駄目だ Nigecha dameda), legata indissolubilmente al personaggio che l’ha pronunciata, Shinji Ikari.

Le origini di “Non devo fuggire!” però sono profondamente radicate nel profondo dell’animo di Hideaki Anno, che ha messo tutto se stesso nella produzione di Evangelion. Anno in persona racconta di aver attraversato quattro anni di depressione e blocco creativo in seguito alla produzione di Nadia e il pensiero “Tu non devi fuggire” è stato la spinta fondamentale a spronarlo ad andare avanti nei momenti di difficoltà durante la produzione di Evangelion.

Secondo Yasuhiro Takeda, cofondatore della Gainax e autore di The Notenki Memoirs, Anno riprese l’idea di “non dover fuggire” direttamente da Aoki Uru (sequel de Le Ali di Honneamise, il cui progetto fu interrotto prima di entrare in produzione e ciò fu una delle cause della depressione di Anno): il protagonista, che in passato era fuggito dalle sue responsabilita, decide di tenere duro e di accettare la rischiossima impresa di salvare l’eroina della storia. Anno ha ereditato da Aoki Uru il concetto della determinazione di non fuggire dai problemi, e ciò che abbiamo visto in Evangelion è un riflesso di quelle sensazioni, non soltanto la trasposizione di un tema da un’opera a un’altra.

“Non devo fuggire!” è una frase entrata a pieno titolo nell’immaginario collettivo della società contemporanea giapponese: addirittura un candidato alle elezioni, per resistere alla tensione degli esiti elettorali e alle pressioni delle aspettative dei propri elettori, ripeteva a se stesso: “Non devo fuggire!”

Somiglianze inquitanti tra Sachiel e le plug suit dei Children

In questo episodio vediamo per la prima volta un Angelo, nella fattispecie Sachiel, diventato l’Angelo di Evangelion per antonomasia. A prescindere da tutte le considerazioni che si possono fare su di esso, vogliamo porre l’accento su un aspetto solitamente poco considerato, ovvero sul modo in cui il design di Sachiel riflette quello delle plug suit dei Children (o -sarebbe meglio dire- viceversa).

In corrispondenza delle spalle di Sachiel vi sono due strutture rigide (ossee?) con due paia di aperture circolari, mentre nelle plug suit sono presenti degli spallacci su cui vengono riproposti gli schemi circolari sotto forma di grosse viti o rivettature.
Sachiel presenta una struttura simile a una gabbia toracica a protezione del nucleo e un esoscheletro scapolare sulla schiena, molto simili al sistema di mantenimento vitale toracico delle plug suit (la sfera presente sulle plug suit di Shinji e Rei ricorda il nucleo) e alla struttura rigida sul retro delle plug suit.
Sulle cosce Sachiel ha delle strutture simili a branchie, e nella medesima posizione sono presenti delle bande nere sulle plug suit di Asuka e Rei. Notiamo che nel Proposal anche la plug suit di Shinji aveva le bande sulle cosce.

Insomma, il legame genetico tra esseri umani e Angeli e le loro origini comuni erano sibillinamente suggeriti fin dall’inizio…

Nella rubrica #sapEVAtelo potrete trovare altre curiosità e approfondimenti sull’episodio 1.

Fly Me to the Moon

La celebre canzone “Fly Me to the Moon” è il brano che accompagna i titoli di coda di Neon Genesis Evangelion, e per l’occasione ne sono state registrate moltissime versioni, ciascuna delle quali è stata usata per uno o più episodi; a complicare le cose, alcune versioni del brano sono state sostituite con altre nell’edizione Renewal/Platinum.

Neon Genesis Evangelion - Original Soundtrack II

Nell’episodio 1, “L’Attacco dell’Angelo”, sia nella Renewal che nelle versioni precedenti è stata utilizzata FLY ME TO THE MOON interpretata da Claire: questa versione del brano è disponibile alla traccia 20 dell’album “Neon Genesis Evangelion – Original Soundtrack II”.

Crediti dell’episodio

Sceneggiatura: Hideaki Anno

Storyboards: Masayuki, Hideaki Anno

Regia: Kazuya Tsurumaki

CAST

Shinji Ikari: Daniele Raffaeli, Megumi Ogata
Misato Katsuragi: Stella Musy, Kotono Mitsuishi
Ritsuko Akagi: Liliana Sorrentino, Yuriko Yamaguchi
Rei Ayanami: Valentina Mari, Megumi Hayashibara
Gendo Ikari: Massimo Corvo, Fumihiko Tachiki
Kouzou Fuyutsuki: Oliviero Dinelli, Motomu Kiyokawa
Maya Ibuki: Barbara De Bortoli, Miki Nagasawa
Makoto Hyuga: Francesco Bulckaen, Hiro Yuhki
Shigeru Aoba: Vittorio Guerrieri, Taketo Koyasu

Supervisore delle animazioni: Shunji Suzuki
Assistente Character designers: Yoshitoh Asari
Character designers: Seiji Kio, Yuh Imakake
Animazione sigla finale: Masayuki

Key Animators: Mitsuo Iso, Katsuichi Nakayama, Shinya Takahashi, Takeshi Honda, Kazuya Kuroda, Naoya Furukawa, Hideyuki Morioka, Hidenori Fukuoka, Shigeki Sunada, Yoh Yoshinari, Yuh Imakake
Supervisore intercalatori: Yasuto Murata

Intercalatori: Takahiro Onoda, Seiichiroh Shinokura, Studio Argo Ship, Studio Jungle Gym, Marsa Inc., Studio Deen
Scelta e controllo colori: Harumi Takahoshi

Effetti speciali: Noriyuki Ohta
Produzione CG: GAINAX SHOP
Colorazione: Tatsunoko Color Center, Eiko Kitazume, Kiyoko Momose, Chieko Odaka, Marsa Inc.
Titoli giapponesi: Maki Production

Fondali: Studio Bohou, Hiroshi Kato, Tatsuya Kushida, Yusuke Takeda, Masaru Ohta, Masaru Satoh, Tatsuro Iseri
Fotografia: Cosmos, Motoaki Ikegami, Noriko Suzuki, Hiroshi Noguchi, Naohisa Haijima, Yuhichi Ono, Junji Yaitabashi, Kohichi Furusawa

Montaggio: Sachiko Miki
Sviluppo negativi: Tokyo Laboratory
Production desk: Yudo Ohishi
Coordinatore di produzione: Ken Ando
Assistente di produzione: Tomoko Takahashi
Effetti sonori: Toru Noguchi (ANIME Sound)

Tecnico del suono: Yoshio Obara
Studio di registrazione: TAVAC
Montaggio video: Hiroshi Uchimura
Operatore: Kozo Yoneyama (Video Sunmall)
Produttori animazioni: Motoki Ueda, Shuji Uchiyama, Hiroyuki Yamaga

Edizione italiana: Dynit
Executive director: Carlo Cavazzoni
Project manager: Alex Corazza
Product manager: Michele Stagni
Production assistant: Valentina Marini
Sales & Licensing: Mandy Mometti

Coordinator: Alessandra Poggio (Ad Libitum)
Marketing consultant: Giorgio Pulini, Alice Quaglino (Filmicom)
Graphic designer: Paolo Torchetti
Graphic assistant: Matteo Castronuovo

Administration director: Anna Rita Marcedula
Accounting department: Antonella Borgia
Publishing director: Anna Marani

Traduzione: Irene Cantoni
Dialoghi: Fabrizio Mazzotta
Adattamento: Gualtiero Cannarsi
Doppiaggio: Cooperativa Eddy Cortese
Direzione del doppiaggio: Fabrizio Mazzotta

Assistenti al doppiaggio: Paolo Cortese, Maurizio Picchio
Fonico del doppiaggio: Alessio Campana
Sincronizzazione: Salvatore Fabozzi
Digital mixage: Stefano Morandi

Edizione DVD a cura di Carlo Cavazzoni
Post-produzione video: Luca Franciosi (Hotminds S.r.l.)
Post-produzione audio: Jacopo Aaron Perelli (Vegas Multimedia S.r.l.)
Sottotitoli: Alessandra Poggio

Produzione: TV TOKYO, NAS

NEON GENESIS EVANGELION ©GAINAX/Project Eva. • TV TOKYO

(Titoli di coda tratti dall’edizione Platinum pubblicata da Dynit, 2008)

Fonti e autori

La realizzazione delle schede dei singoli episodi di Neon Genesis Evangelion comporta un lavoro meticoloso di scrittura, riscrittura, ricerca, analisi e selezione delle fonti, assemblaggio e rielaborazione. Molto materiale era già stato scritto da Distopia, mentre altro è stato appositamente reperito consultando fonti affidabili e certificate.
Un articolo non può dirsi redatto in modo professionale se non è completato dall’elenco delle fonti consultate; ecco dunque la bibliografia/sitografia di riferimento:
* Neon Genesis Evangelion Encyclopedia, a cura di G. Cannarsi (fascicoli allegati alle prime sei VHS di Evangelion pubblicate da Dynamic Italia, 1997-1998);
* Neon Genesis Evangelion Enciclopedia, a cura di A. Poggio, G. Morando, C. Giorgi (allegata ai DVD di Evangelion edizione Platinum pubblicati da Dynit, 2008);
* EvaWiki, wiki di EvaGeeks.org.

Il Rapporto Marduk relativo al primo episodio di Neon Genesis Evangelion è stato redatto da Hikari Horaki, Hachigoki e Nevicata.

Info su Nevicata

Appassionato di cartoni animati e fantascienza, Nevicata rimane inevitabilmente folgorato da Neon Genesis Evangelion. Nel 2003 apre il sito Distopia.
Questa voce è stata pubblicata in Risorse e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink. Feed dei commenti.

Lascia un commento