Informazioni su…

Distopia Evangelion (online dal 12 febbraio 2003)

Una foto di Distopia Evangelion da giovane Distopia Evangelion è uno storico sito italiano, online dal 2003, dedicato a tutte le incarnazioni di Evangelion, opera straordinaria di Hideaki Anno che ha rivoluzionato il modo di intendere e realizzare gli anime e che ha dato il via a un nuovo rinascimento nell’animazione giapponese.
L’intento è stato quello di seguire un percorso alternativo di analisi: anziché soffermarsi sulle schede dei personaggi, degli Eva e degli Angeli, è stato preso in considerazione il fenomeno costituito da Shin Seiki Evangelion, tentando di fare luce sullo sviluppo del Project Eva e di contestualizzare l’opera nel mondo dell’animazione giapponese.
Un’ampia sezione del sito pubblica notizie aggiornate riguardanti Eva, soffermandosi in particolare sul Rebuild of Evangelion, recente tetralogia cinematografica tuttora in corso.
Siccome adoriamo conoscere, incontrare e divertirci con altri fan di Eva, non perdiamo occasione per promuovere e organizzare eventi a tema, sia dal vivo che online.
Dal 2003 l’emozione continua!

Gli autori

Nevicata si vanta per la vittoria di inutili gadget di Evangelion a Lucca 2009, beata gioventù... Nevicata – Cresciuto a pane e Goldrake, appassionato fin dall’infanzia di fantascienza, robottoni e “cartoni animati giapponesi”, durante la replica su MTV Italia della Robothon del 17 dicembre 2000 segue i primi due episodi di Neon Genesis Evangelion e ne rimane folgorato.
In seguito a uno dei suoi deliri di onnipotenza, nel 2002 pone le basi per il sito Distopia Evangelion, che apre ufficialmente il 12 febbraio 2003.
Attualmente risiede nel deserto del Nevada con quattro cani e ventisette gatti, nei pressi del sito dove avrà sede la seconda divisione americana della Nerv.
Noiosa curiosità: il suo nickname deriva dal titolo del terzo album dei Bluvertigo.

Hikari Horaki nei panni di Spettro di Seta II sul Trono di Spade, che confusione... Hikari Horaki – Orgogliosa figlia degli anni ’80, è cresciuta guardando i programmi più disparati sulle più disparate (e disperate) reti Tv. Ribattezzata Peter Griffin per la conoscenza maniacale di film, telefilm e cartoni animati, già a 4 anni mostrava un carattere forte e deciso quando ha scritto una lettera di protesta a una rete privata per la brusca interruzione di un episodio di Lamù, la ragazza dello spazio e la sostituzione con una televendita di pentole. Si è avvicinata a Evangelion nel 2001 e da allora non l’ha mai tradito; dopo un tentativo (fallito) di disintossicarsi e dopo anni di silenzio, in cui non ne ha praticamente più parlato nemmeno con Nevicata, ha colto l’occasione del Rebuild per calarsi nuovamente nelle atmosfere del suo anime preferito. Adora Shinji e da sempre fa il tifo per Asuka. Non ama particolarmente Rei, ma intuisce perchè i maschietti l’apprezzino più degli altri personaggi femminili della serie. Vuole rassicurare i lettori sul fatto che lei e Nevicata non vivono come due barboni circondati da gatti, nonostante siano fanatici di Evangelion.

Hachigoki in un momento feels con Yui Hachigoki – A 14 anni scocca il colpo di fulmine (di Pegasus?) con Saint Seiya, l’inizio della fine. Nel giro di pochissimo tempo si trasforma in un super appassionato (diciamo così che è più figo) e si innamora di Maison Ikkoku, Ranma ½, Dragon Ball, etc.
Tramite le fanzine scopre “la serie che ha sconvolto il Giappone” aka Neon Genesis Evangelion – un pay off più azzeccato non potevano trovarlo –, così comincia a seguire news e recensioni su Eva, cercando di mitigare l’attesa snervante che lo separa dal “First Impact”. Erano decisamente altri tempi e per gustarsi una serie si doveva attendere l’uscita, assai lenta e discontinua, delle costose VHS che per la modica cifra di 39.900 lire davano l’opportunità di vedere solamente due episodi per volta. Da allora di tempo ne è passato, ma Eva continua a far parte della sua vita (e ne sa qualcosa chi gli sta attorno).

C'est Disco C’est Disco – Classe ’90. Si appassiona, come tutti i bambini di quel decennio, ai cartoni animati (sic) trasmessi la mattina e il pomeriggio, prima e dopo la scuola: Sailor Moon, Galaxy Express 999, Dragon Ball… Il suo primo vero amore è Nadia – Il Mistero della Pietra Azzurra (primo incontro con la Gainax), anche grazie alla passione per i libri di Jules Verne, mentre il suo primo anime è Le Situazioni di Lui & Lei (secondo incontro con la Gainax) trasmesso nel 2002 durante l’Anime Night di MTV. Fino al 2009 non legge né guarda manga o anime, fino a quando il suo migliore amico non gli propone di vedere il primo film del Rebuild of Evangelion, You Are (Not) Alone: da quel giorno cambia tutto. Per citare Alta fedeltà, Neon Genesis Evangelion è ancora oggi nella sua top five di anime e manga, seguito da Gundam, RahXephon, Space Runaway Ideon e Punta al Top! GunBuster. Grande appassionato di musica, ha gestito per anni la webzine Mag-Music.

Simone – Classe 1987, è un grande fan di Studio Ghibli ed Evangelion, colpito soprattutto all’episodio 26 di quest’ultimo che va a sfondare la quarta parete come un tornado. Gli piacciono varie cose, tra cui gli sport e la cucina. Dopo aver raccolto e catalogato certosinamente materiale su Eva esplorando reconditi anfratti di internet, ha elaborato il ProgettoEVA2015, una serie di articoli in cui vengono analizzate le fonti d’ispirazione e l’evoluzione nel processo creativo del nostro anime preferito!

The Loop Theory – Ha pubblicato un’interessantissima analisi in cui vengono messi a confronto La storia della Principessa Splendente ed Evangelion, aspettiamo con ansia i suoi futuri articoli.

FAR – Classe ’98, guerriero sakuga proveniente dal pianeta Kanada e membro della cricca di AMI. Collabora felicemente con tutti coloro che apprezzano i cartoni belli. Arde di passione per l’animazione e il fumetto come tutti i Kanadaseijin. Nel tempo libero fa tante cose che hanno a che fare con i suddetti media: legge, guarda, scrive, disegna e si occupa di critica. Ha un amore segreto per i remaster dei vecchi anime in cells.

Italo – Nato tra fiamme disegnate da Kou Yoshinari, insegue da tempo il sogno di diventare un anime critic migliore di Digibro. È “quello bello” (per modo di dire) di AMI, lo youtuber più apprezzato dalle famiglie con la parlantina sciolta e l’amore per animazione, fumetto e letteratura.
Si diletta a far video sull’animazione incorrendo spesso in errori di montaggio o luce, ma credete in lui perché lui crede in voi, e sa che potrete amare Ping Pong The Animation.
Perché chiudere senza una marchetta al suo anime preferito di sempre non era abbastanza dignitoso.

Collaboriamo e divertiamoci assieme!

Sei un appassionato di Eva e vuoi pubblicare un articolo/saggio/recensione/etcetera? Contattaci ed entra a far parte della redazione!
Hai un sito/community/pagina social dedicato a Evangelion? Affiliamoci!
Distopia Evangelion è aperta a tutte le forme di collaborazione: stiamo pubblicando interessantissimo materiale inviatoci da amici e lettori e siamo in ottimi rapporti di amicizia e collaborazione con molti siti a tema Eva sia italiani che internazionali.

Contatti

Asuka ci tiene a restare in contatto con noi, fallo anche tu! Siccome siamo fighi e al passo con il Web 2.0, abbiamo una splendida pagina facebook, un’esaltante pagina google+ e un inarrivabile account twitter. Per chi vuole mandarci a cagare in modo più tradizionale, sono a disposizione una comoda casella di posta nonchè gli inossidabili commenti su ogni pagina del sito.

Pubblicità

Tutti i proventi pubblicitari verranno utilizzati per la costruzione dell'Eva-01... Ehm... Dati in beneficenza! Altervista ospita Distopia gratuitamente da sempre, ma se nessun utente usasse la pubblicità Altervista chiuderebbe i battenti. Con l’inserimento della pubblicità Distopia contribuisce ad Altervista, mentre noi devolviamo e devolveremo sempre i proventi pubblicitari in beneficenza. Insomma, alla fine vincono tutti.
Lo stesso discorso vale per Amazon, di cui Distopia è affiliato: al raggiungimento della soglia delle commissioni derivanti dagli acquisti su Amazon devolveremo la somma in beneficenza; sentitevi liberi di acquistare su Amazon tramite il Distopia Shop, sapete che è per una buona causa.

Feed dei commenti

Lascia un commento